Comunicati Stampa

Un bosco incantato pieno di animali di neve.I giovani intagliatori trentini rendono magico il Natale

Nei due borghi di Peio Fonti e Cogolo sorgono due boschetti addobbati con materiali di recupero e realizzati dalle associazioni di volontariato della Val di Pejo. Ma la vera novità sono le statue di neve dei ragazzi della Scuola della val di Fassa

Cogolo di Peio (TN), 23 dicembre 2019 – Un gallo cedrone, un gufo, un’aquila ed una lince sono spuntati nel piazzale delle Terme di Pejo. Sculture di neve realizzate da un gruppo di ragazzi del Liceo artistico di Fassa. Un tributo ghiacciato al Parco Nazionale dello Stelvio, un modo per celebrare i due elementi protagonisti della Val di Pejo: il bosco e l’acqua. “Sono passati dieci anni da quando fummo invitati dall’amministrazione a realizzare per la prima volta questa attività. I nostri territori sono simili, per vocazione turistica e sportiva. Per i nostri ragazzi è stata una sfida impegnativa ma formativa, l’occasione per esprimere la loro creatività e sviluppare le competenze acquisite nella scultura” così Tiziano e Davide Deflorian, insegnanti del liceo, introducono il lavoro svolto dai ragazzi a Peio Fonti, che sarà inaugurato questo weekend. Le statue, alte 4 metri e larghe 3, hanno richiesto diversi giorni di lavorazione. “Abbiamo scelto di lavorare la neve e quindi l’acqua perché è il punto di forza del nostro territorio, è un elemento naturale ed effimero e questa caratteristica la rende speciale. Ma con questo tempo, è stata un’impresa” commenta Giorgia, studentessa.

La difficoltà di realizzazione è principalmente dovuta alle condizioni metereologiche avverse di questi ultimi giorni in Valle: “per noi l’acqua, oltre ad essere un elemento fondamentale per l'ambiente, è, nelle sue varie forme, un materiale che permette espressione artistica” aggiunge Enrico Maria.

Le sculture di neve e l’igloo per i bambini di Peio Fonti sono solo una delle attrazioni previste nell’ambito del “Bosco incantato”, cartellone di eventi culturali proposto dal Comune di Peio, in collaborazione con il Consorzio Turistico Pejo3000, dal 21 dicembre al 6 gennaio prossimo in Val di Pejo.

Il “bosco” realizzato a Cogolo, grazie anche alla straordinaria collaborazione dei volontari dall'assessore Pretti, vede abeti rossi e bianchi addobbati con prodotti di recupero, diversi in base al tipo di attività commerciale: palline di alluminio realizzate con carta stagnola, parti delle bottiglie di plastica (che nella vicina ski area sono bandite da qualche settimana). In questo modo gli addobbi diventano un messaggio prezioso per insegnare ai turisti, soprattutto ai più piccoli, che anche i prodotti di scarto, in apparenza senza alcun valore, possono essere riusati, con beneficio per la qualità di vita delle comunità locali e per l'ambiente.

In Piazza Monari, sorge poi la Biblioteca di Babbo Natale: una casetta rialzata con scivolo annesso, nella quale i bambini e i genitori possono entrare e leggere insieme le più belle favole legate al Natale.

Ma il “Bosco incantato” non finisce qui: accanto alle installazioni, è infatti previsto un fitto calendario di eventi. Ogni giorno, i visitatori potranno assistere a concerti musicali, degustazioni, ciaspolate, laboratori per adulti e bambini, fiaccolate accompagnati dai maestri di sci. E ovviamente, ci si scalderà con bevande calde, alcoliche e analcoliche accompagnate da degustazioni di prodotti tipici. Ad inizio anno, inoltre, l’Orchestra delle Alpi si esibirà nell’auditorium del Parco Nazionale dello Stelvio.


TRENTO - ROMA - PERUGIA
© Green Press Environmedia - Service Editoriale. Tutti i diritti riservati. 

Martina Valentini p.iva 02089320515