Comunicati Stampa

Spazio Thetis ospita la tappa conclusiva del Festival delle Arti

La serata veneziana chiuderà il festival che ha visto la partecipazione di oltre 60 artisti. Durante l'evento verranno inoltre presentati i dettagli del Progetto di land art che la scultrice statunitense Beverly Pepper aveva sviluppato per l’“Isolotto nuovo” situato al centro della Bocca di Porto del Lido che ospita i sottoservizi per il MOSE.

Venezia, 21 settembre 2020 – Lo spazio è quello, suggestivo, dello Spazio Thetis, all'Arsenale Novissimo. Qui, giovedì prossimo alle 17.30, si terrà l'evento conclusivo del Festival delle Arti 2020, organizzato dalla Fondazione Progetti Beverly Pepper in collaborazione con la Beverly Pepper USA Foundation e il Comune di Todi, che ha sostenuto la realizzazione di tutte le tappe della manifestazione. 

L'area che ospita in maniera permanente le quattro imponenti Todi Columns, donate dall'artista statunitense Beverly Pepper ai Musei Civici di Venezia, operazione fortemente voluta negli anni 90 da Antonietta Grandesso, Responsabile di Spazio Thetis, farà da palcoscenico alla performance di danza contemporanea e percussioni di ContemportaneaMente GruppoDanza, in collaborazione con i musicisti di La Mama Umbria International, che per l’evento veneziano ha ideato The Memoria Circle: un viaggio nel tempo attraverso le arti performative con il quale lo spettatore potrà vivere e percepire la forza e la potenza delle opere monumentali di Pepper.

“Quello veneziano è il degno scenario per portare a conclusione questa kermesse culturale unica nel suo genere in Italia” spiega Michele Ciribifera, presidente della Fondazione Progetti Beverly Pepper. “Il weekend scorso a Todi, quello precedente a L'Aquila e ora qui nella laguna veneta abbiamo voluto riportare in città l'arte, nelle sue molteplici forme. Scultori, pittori, mastri artigiani, performers e ora ballerini e musicisti. Il motivo è molto semplice: il lockdown ha privato i nostri centri urbani di gente e vita. Vogliamo dimostrare che le espressioni artistiche sono strumenti essenziali per dare nuova linfa agli spazi urbani e per farne scenografie ideali per unire le bellezze artistiche del passato con le suggestioni culturali del presente. La grande presenza di pubblico che abbiamo rilevato nelle prime due tappe e siamo certi avremo anche in un luogo simbolo di Venezia, l’Arsenale storico dove si sviluppano le aree coperte ed il parco bellissimo di Spazio Thetis, dimostra quanto sia condivisa dalle persone l'esigenza di riappropriarci dei luoghi cittadini per ritrovare il nostro senso di comunità”.

I luoghi scelti, peraltro, sono simbolici dell'amore che Beverly Pepper (scomparsa a febbraio scorso) aveva per l'Italia. Tutti ospitano infatti sculture e opere di land art che lei aveva donato al nostro Paese: un modo perfetto per renderle omaggio e ricordarne la visione. “Attraverso l’arte contemporanea e la sua valorizzazione Beverly Pepper ha insegnato a riqualificare porzioni significative del territorio, in uno slancio civico che ha pochi precedenti” osserva Francesca Valente, curatrice del Festival delle Arti.

La serata di giovedì sarà peraltro l'occasione per presentare il Progetto di land art di Beverly Pepper: quello per l’Isolotto alla Bocca di Porto del Lido. L’artista, maestra dell’arte pubblica, aveva realizzato questo progetto per i veneziani e per offrire loro uno spazio nuovo e naturale per vivere l’arte e la cultura attraverso concerti e spettacoli tra il mare e la natura. 

Il progetto prevede infatti la realizzazione di un anfiteatro presso l’isola Nuova, costruito rigorosamente con pietra locale, che include al suo interno aree verdi ed opere monumentali in acciaio inox. Due le sculture progettate per l’isola: una di circa 20 metri pensata come un faro per le navi in entrata, e l’altra di circa 10 metri, rivolta alla città come a richiamare i veneziani all’arte contemporanea. Trattandosi di Venezia, la Pepper non ha tralasciato l’elemento acquatico: l’anfiteatro sarà quindi attraversato da un piccolo corso d’acqua che si ricongiungerà con il mare. Il plastico del progetto è stato donato lo scorso anno dalla Fondazione Progetti Beverly Pepper allo Spazio Thetis in occasione dell’esposizione dell’artista alla Biennale di Venezia.

TRENTO - ROMA - PERUGIA
© Green Press Environmedia - Service Editoriale. Tutti i diritti riservati. 

Martina Valentini p.iva 02089320515